a

 

Apre l'ucchie e spannele ca nen callare ca s'arcagne

Apri gli occhi e guarda ogni particolare, perch questa caldaia (o altro) non si cambia

 

 

Ardmme lu fazzultte che te so date e armttece lu bbene che te so' vulte

Ridammi il fazzoletto che ti ho dato e rimettici dentro il bene che ti ho voluto

 

 

Arj 'rrte come lu funre

Andare all'indietro come il funaio

 

 

A 'rlava' la coccie all'sene se perde lu tempe, l'acque e lu sapne

A lavare la testa all'asino si perdono tempo, lacqua e sapone

 

 

A Sanda Reparate la live maturate

A Santa Reparata le olive sono maturate

 

 

Chi 'arfrche armne frecte

Chi imbroglia , resta imbrogliato

 

Carnavle pe 'tt quaresema pe l'iddre

Carnevale per te e quaresima per gli altri

 

 

Chi belle v par, gran dolre da pat

Chi vuol sembrare bello, deve sopportare gran dolore

 

 

Chi pcure se fa lupe le magne

Chi pecora si fa, finisce mangiato dal lupo

 

 

Chi cache tra la neve, preste se scopre

Chi caca nella neve, viene scoperto subito

 

 

Chi 'ccide 'na hatte sette male disgrazie

Chi uccide un gatto, avr sette gravi disgrazie

 

 

Chi ' nn' bbn pe lu re ' nn' bbone manche pe la riggne

Chi non buono per il re (per il servizio militare), non buono neppure per la regina (per "donna")

 

 

Chi sc 'ccise

Che tu possa essere ucciso (da non prendere alla lettera-!!!)

 

 

Ti si pozza secc la lengue

Ti si possa seccare la lingua

 

 

Chi t la vigne t la tigne

Chi ha la vigna, ha la tigna

 

 

Che vu rompe lu specchie?

Non vorrai mica  rompere lo specchio?

 

 

Chi di ninne chi di nonne, a ogne case ci st li corne

Chi a causa della piccola chi a causa della grande, in ogni casa ci sono le corna

 

 

Cielle de la mala morte

Uccello della cattiva morte

 

 

Chi t la moje 'bbelle, simpre cande; chi t quatrne poche, simpre conde

Chi ha la moglie bella sempre canta, chi ha pochi quattrini sempre conta

 

 

Chi l'arte nen v 'mpar, o sbirre o frate sa da j 'ff

Chi non vuole imparare un mestiere, o sbirro o frate si deve fare

 

 

Corn' e guaje nen manche maje

Corna e guai non mancano mai

 

 

Chi spute 'n ciele j' arcasche 'n mocche

A chi sputa in cielo gli ricade in bocca

 

 

Chi t letme nen t fame

Chi ha letame non ha fame

 

 

Cummanne e fattele t

Chi vuole, faccia; chi non vuole, comandi

 

 

Curnute e mazzite

Cornuto e bastonato

 

 

Ddeje prime li fa dap l'accumbagne

Dio prima li fa poi li accoppia

 

 

Criste fa li mundgne e po' ce fiocche, fa li crestine e po' l'accocchje

Cristo fa le montagne e poi ci fa nevicare, fa i cristiani e poi li accoppia

 

 

Dentr' alla cocce ce t li pegge

Ha le pulci in testa

 

 

Dentr' alla votte pccule ce st lu vine 'bbne

Nella botte piccola c' il vino buono

 

 

Dimme quelle che v, ma nen me d coteche

Dimmi quello che vuoi, ma non chiamarmi "cotica"

 

 

Dova sput' ij  facce na fonde

Dove sputo io faccio una fontana

 

 

E' cort' e mal' cavt'

E' piccolo e tremendo

 

 

E' l'ommene ca tne da purt li cauzune

E' l'uomo che deve portare i calzoni

 

 

Vul la scarpa onde e l'assogna sane                                    

Voler la scarpa unta e la sugna intera

 

 

Vicchie e frastire s'avande

Vecchi e forestieri si vantano

 

Pag. 1/3

<<<Indietro

Inizio

Avanti>>>

Agenzia Web De Pamphilis - Offerta Spesciale Siti Internet

concapeligna.it Tutti i diritti riservati 

 copyright  2000