Questa sezione Ŕ dedicata 

a tutti i nostri emigrati... 

si possono scaricare 

ed ascoltare i canti 

della terra dei loro padri...

 

        Vola vola

        J'Abbruzzu

        All'orte

        Tutte li fundanelle

concapeligna.it  Tutti i diritti riservati

Indietro

copyright ę 2000 

Agenzia Web De Pamphilis - Offerta Spesciale Siti Internet

 

 

 

 


Vola vola

Scarica file audio mp3: (1287 Kb)

decomprimere ed eseguire

 

TESTO DIALETTALE


Vola, vola, vola...
di Luigi Dommarco


Vulesse fa' 'rvený pe' n'ora sole
lu tempe belle de la cuntentezze,
quande pazzijavame a "vola vola"
e te cupre' de vasce e de carezze.

E vola vola vola vola
e vola lu pavone;
si tiŔ lu core bbone
mo fammece arpruva'.

'Na vote pe' spegna' lu fazzulette,
so' state cundannate de vasciarte.
Tu te scý fatte rosce e me scý ditte
di 'nginucchiarme prima e d'abbracciarte.

E vola vola vola vola
e vola lu gallinacce;
mo si ti guarde 'n facce
mi pare di sugna'.

Come li fiure nasce a primavere,
l'amore nasce da la citilanze.
Marý, si mi vu˛ bbene accome jere,
nŔ mi luvÓ stu sogne e sta speranze.

E vola vola vola vola
e vola lu cardille;
nu vasce a pizzichille
nŔ mi le pu˛ nega'...

'Na vota 'r'na pupuccia capricciosa,
purtive trecci appese e lu fruntine;
mo ti si fatte serie e vruvignose,
ma ss'ucchie me turmente e me trascine.

E vola vola vola vola
vola la ciaramelle;
pe' 'n'ore cuscý belle
vulesse sprufunna'.

 

TESTO ITALIANO


Vola, vola, vola...
di Luigi Dommarco


Vorrei far tornare per un'ora sola
il tempo bello della contentezza,
quando giocavamo a "vola vola"
e ti coprivo di baci e di carezze.

E vola vola vola vola
e vola il pavone;
se hai il cuore buono
ora fammici riprovare.

Una volta, per disimpegnare il fazzoletto,
sono stato condannato a baciarti.
Tu ti sei fatta rossa e mi hai detto
d'inginocchiarmi prima e d'abbracciarti.

E vola vola vola vola
vola il gallinaccio;
ora se ti guardo in faccia
mi pare di sognare.

Come i fiori nascono a primavera,
l'amore nasce dalla fanciullezza.
Maria, se mi vuoi bene come ieri,
non togliermi questo sogno e questa speranza.

E vola vola vola vola
e vola il cardellino;
un bacio con pizzicotti sulle guance
non me lo puoi negare...

Una volta eri una bambina capricciosa,
portavi le trecce appese e il frontino;
ora ti sei fatta seria e vergognosa,
ma quegli occhi mi tormentano ed ammaliano.

E vola vola vola vola
vola la ciaramella;
per un'ora cosý bella
vorrei sprofondare.

 

  Inizio

J'Abbruzzu

Scarica file audio mp3: (1366 Kb)

decomprimere ed eseguire

TESTO DIALETTALE


J'Abbruzzu
di Carlo Perrone



So' sajitu aju Gran Sassu,
so' remastu ammutulitu...
me parea che passu passu
se sajesse a j'infinitu!

Che turchinu, quante mare,
che silenzio, che bellezza
pure Roma e j'atru mare
se vedea da quell'ardezza.

Po' so' jitu alla Majella,
la muntagna Ŕ tutta 'n fiore;
quant'Ŕ bella, quant'Ŕ bella,
pare fatta pe' l'amore!

Quantu sole, quanta pace,
che malia la ciaramella
ju pastore veja e tace
pare ju Ddiu della Majella.

Po' so' jitu alla marina
e le vele colorate
co' ju sole la mmatina
se so' tutte 'Iluminate.

Se recanta la passione
ju pastore alla montagna,
ji responne 'na canzone
dajiu mare alla campagna.

 

TESTO ITALIANO


L'Abruzzo
di Carlo Perrone



Son salito sul Gran Sasso,
son rimasto ammutolito...
mi pareva che passo passo
si salisse all'infinito!

Che turchino, quanto mare,
che silenzio, che bellezza,
pure Roma e l'altro mare
si vedevan da quell'altezza.

Poi sono andato sulla Majella,
la montagna Ŕ tutta in fiore;
quant'Ŕ bella, quant'Ŕ bella,
sembra fatta per l'amore!

Quanto sole, quanta pace,
che malia la ciaramella;
il pastore veglia e tace
pare il Dio della Majella.

Poi sono andato alla marina
e le vele colorate
con il sole la mattina
si son tutte illuminate.

Se ricanta la passione
il pastore sulla montagna,
gli risponde una canzone
dal mare alla campagna.

 

  Inizio

All'orte

Scarica file audio mp3: (1428 Kb)

decomprimere ed eseguire

TESTO DIALETTALE


All'orte
di Anonimo



Ji vaj'all'orte a coje li rose,
scontre lu spose e me mett'a parla'.
Me mett'a parla', me mett'a canda':
"Senza lu spose l'amor 'n ze p˛ fa'!"

Cingue, la bella sei, la sette lÓ lÓ,
senza lu spose l'amor 'n ze p˛ fa'!

Ji vaj'all'orte a coje la menducce,
scontre Ruccucce e me mett'a parla'.
Me mett'a parla', me mett'a canda':
"Senza Ruccucce l'amor 'n ze p˛ fa'!"

Cingue, la bella sei, la sette lÓ lÓ,
senza Ruccucce l'amor 'n ze p˛ fa'!

 

TESTO ITALIANO


All'orto
di Anonimo



Io vado nell'orto a coglier le rose,
incontro lo sposo e mi metto a parlar.
Mi metto a parlar, mi metto a cantar:
"Senza lo sposo l'amor non si pu˛ far!"

Cinque, la bella sei, la sette lÓ lÓ,
senza lo sposo l'amor non si pu˛ far!

Io vado nell'orto a coglier la mentuccia,
incontro Ricuccio e mi metto a parlar.
Mi metto a parlar, mi metto a cantar:
"senza Ricuccio l'amor non si pu˛ far!"

Cinque, la bella sei, la sette lÓ lÓ,
senza Ricuccio l'amor non si pu˛ far!

 

 Inizio

Tutte li fundanelle

Scarica file audio mp3:  (864 Kb)

decomprimere ed eseguire

TESTO DIALETTALE



Tutte li fundanelle
di Anonimo



Tutte li fundanelle se so' seccate
pover'amore mŔ more de sete.

TrummalaririlÓ, l'amor'Ŕ bbelle,
trummalaririlÓ, 'vviva 'll'amor!

Amore, mi te' sete, mi te' sete.
Dov'elle l'acque che mi si purtate?

TrummalaririlÓ, l'amor'Ŕ bbelle,
trummalaririlÓ, 'vviva 'll'amor!

T'aje purtate 'na giara de crete
'nghe ddu' catene d'ore 'ngatenate.

TrummalaririlÓ, l'amor'Ŕ bbelle,
trummalaririlÓ, 'vviva 'll'amor!

 

TESTO DIALETTALE



Tutte li fundanelle
di Anonimo



Tutte li fundanelle se so' seccate
pover'amore mŔ more de sete.

TrummalaririlÓ, l'amor'Ŕ bbelle,
trummalaririlÓ, 'vviva 'll'amor!

Amore, mi te' sete, mi te' sete.
Dov'elle l'acque che mi si purtate?

TrummalaririlÓ, l'amor'Ŕ bbelle,
trummalaririlÓ, 'vviva 'll'amor!

T'aje purtate 'na giara de crete
'nghe ddu' catene d'ore 'ngatenate.

TrummalaririlÓ, l'amor'Ŕ bbelle,
trummalaririlÓ, 'vviva 'll'amor!

 

 Inizio