a

Buone Feste dai Nostri Sponsor

 

Natale e dintorni

Racconti e leggende

Lu mantiolle d' San Giuseppe

FUGA DELLA MADONNA E DI SAN GIUSEPPE COL BAMBINO

Opere di Antonio De Nino

Nasce l'alloro

L'ulivo si fa capanna

Gentilezza del Ginepro e dell' Agrifoglio 

Il buono e il mal ladrone

VAI

Agenzia Web De Pamphilis - OFFERTA SPECIALE

 concapeligna.it Tutti i diritti riservati

Indietro

copyright © 2000

Made in Conca

Lu mantiolle d' San Giuseppe

(Antico racconto natalizio riadattato liberamente in dialetto pratolano)

C'era na vot,  na mucchie d'tiomp fà. La Maronne i San Giuseppe, dope fatte
nu lungh camoine, i dope cavivn girete tutt lu pajaise d' Betlemme p' truà
na stenzie a qualch alberg pe passà la nuttate, gir i rigioire nen
putriorne truuà nionte, i cuscì s' fermiorn a na rott. Dope c'avev prparate
nu liotte de paglie p' la mojje, Giuseppe fa a Marije:

* Marj', mentre teuue t'erpeuse, ioje vajj'avveraié se pozz truà nu
carunille de feuche e na lentern.

* Statt'attente Giusé ch lu feu-che;  pò abbruscè paglie i fiene dentr a
ssta rott. Forse stémme bbeune accuscì!...

* N't'impaurìje Marj'. Lu mettémm luntane da la paglie.

Vajje i 'rvionghe subbete; accuscì putémme preparà quacchicause p' magnè;
n'n me vu ricere ca teuùe stè accuscì senza feuche, senza leuce, i senza
magnè... Vajje e 'rvionghe subbete, aji vist nu feume da na cimmenera a
ecch vicioine. Mo 'rvionghe subbete...

A cuscì s'abberretose a lu mantioll, i sciose svelt svelt. 'N's'avé
sbajjete. A loche vicioine ci steve 'na case. Ere 'na case d' i pastori.
Tucchel alla port i sente:

* 'Ntraite, st'apiorte!...

Entre dentre, 'attuorne a 'nu fucaracce steven'reunoite 'na mucchie d'
pastori ch stiven'a rraggiunà frà d' laur.

* Sait'e 'bneritt! Vionghe da Nazzaret pe' lu censimente. Nai truate lu
puoste all'alberg pi' jnnotte accuscì m'sò 'rparate a 'na rotte a ecche
vicioine: joije', mojeme e n'uasinille. Mi servesse nu poche de feuche p'
scallà, i na lantern pe' vererce nu poche.

Lu cchiù viocchie subbete fà:

* Pijeteve tutte lu feuche ch 'vserve... Vi sete 'rcuverate a la rotte de
Daveducce avete ritte?

* Scì, propri'alloche. Ma è ccuscì scheure...

* Alloche ci stà pure na vacca majje, accant'alla quale ci putète mette
peure l'uasinille tojje. Ci sta peure na lantern, 'mbacce a la mangiatoje.
Ci putete stà bbeune alloche. Adupereteve tutte le fiene i la paglie ch ve
serve... ma 'nve purtaite du careveun de feuche? A ecche n'n tinémme
nijonte pi' méttecelu dentre...i lu feuche è lu feuche.

Giuseppe remanose d' stucche. Nen'ciavév proprie pensate a purtarese
quacchicause, ca verà fà. I pecurai stiven murtifichete ma n'n tninne
nijonte. Giuseppe, repensenne a la moje praine ca steve dentr a ch la rotte
alloche vicioine, nen'ce 'rpense ddu vote: allarghe lu mantioll, è panne
paccheute, po' 'resister:

* Mettete a ecche! e` vicioine. Lu panne è paccheute, resiste: Detem, detem
nu poche de su feuche.

* Ma ch ulete fà, ch stè a scherzè, su mantiolle te s'abbreusce...

* N'n v'empauraite - i risponne Giuseppe rirenne.

* Pussibile ca n'n ci stà nijente p' mette du careveun de feuche? - lu
vicchiariolle si uardose a tuorre pe' cerca' quacchicouse, ma lu tiompe
passéve. Giuseppe vist'a ccuscì, s'abbasse i acchieppe i careveun n' gh le
mane i s'rempiesce lu mantiolle n' gh lu bbiolle feuche, come ch n'n'avesse
state nionte. I pastori  gli uardene 'mpauroite i tutt 'verinne ca lu
mantiolle n'n s'abbrusceve.

* Ma n'n'è pussible...Uarde ch mantioll!!!... 'N s'abbreu-sce addavaire.
Allaure pìjete tutte lu feuche ch veuue...

*  Che Dije v'e beneroice. Grazie, grazie... Abbaste, è troppe. I dope
salutat, Giu-seppe s'ncamoine verse la rotte. Arroive tutt cuntionte  nch
lu feuche ch teneve dentre a lu mantioll, s'accorge ca Marije s'avév
addurmoite. Allaure pose lu feuche a nu spicule, chiene chiene va uardenne
p' truà la lentern. Seguenne le parole d' lu pecurale s'avvicioine a la
mangiatoje: trove la lentern, i l'appicce n'ch lu feuche.

* Lucia sante, chi scì bene-rette!  Mett' la lentern sopr'a na banzette,
s'ascioire i dope nu poche s' nevà allu suonne. Ma nu cante d'angele lu
sveje subbete: Marije à parturoite. I lu Bambine stà alloche sopr'a la
pajje. Ji' va vicioine... e è lu proime a adurarl.

Dope ch Giuseppe se n'avév joite, i pastori avivin 'remaste a discutere
vicin'a lu feuche:

* Avet viste lu nazzarene. A mmoije me pare na faccia cunesceute...

* Pur'a mmoije. N'n m'erecorde, ma a cacchi part l'hai vist. Ch n' pionse
teuue ca sci lu cchiù vijocchie 'mmezz'a neuue'?

* Ecche: ci so 'repinsate: ch la facce la chenosce. N'n mavesserà sbaje! ma
lentanne nen purteve lu mantiolle. Chi di veuue  e state a lu Tempie, a la
feste di lu Tabernacule l'anne passate? N'n v'erecorde nijonte ch la
feste?...

* E` le vaire... E proprie isse... Giuseppe, quoile ch javé fiuroite lu
bastaune a lu Tempie. Lu falegname di Nazzarett.

* Allaur la mojja 'ncinte ere Marije?!...

* Allaur ch la 'persaune è ddavere sante?!...

* Allaur 'stu juorre s' l'urecurdem'addavaire...

* I sè lu jémme a salutà ...ch ne riciaite?

* No! Mò no! E nnotte. Lu disturbémm. Dumane passém a salutarl'...

Ma a ch lu mumente s' vere 'na cometa grosse i lucente sopr'alla rotta i s'
sente p'l'arie nu cante angelic: Gloria a Dio nell'alto dei cieli e Pace in
terra agli uomini di buona volontà!

Avé nate lu Bambine, tutt chi i pastori appen s'avev fatte juorre venne a
la rotte. Alloche, truven lu Bambine, gh 'na vacche e n'uasiniolle ch lu
scallinn n'gh lu fiate, i la mamme i lu patre, Marije i Giuseppe,
'ngiunecchiete ch l'adurivin, pure laur s'ingiunicchioren nent a ch lu
biolle Bambiniolle ch gli uardève fiss e gli' fàcève 'nu surroise.

NOTA: Come avete potuto notare dal racconto, la semplicità dei pastori salta agli occhi. Loro, pur nella loro semplicità, comunque, non si pongono domande, ma dicono solo:

Allaur 'sti juorre se l'urcurdem'addavaire...

inizio

Nasce l'alloro

San Giuseppe e la Madonna col Bambino avevano camminato tutta la notte. Sul far del giorno si fermarono a una masseria. Il Bambino stava un poco sporco; perchè erano mancatì i pannicelli. Durante il viaggio, la Madonna aveva lavati i pannicelli, e li aveva stesi a una siepe. Ma la Zingarella se li era rubati. Disse la Madonna alla padrona della masseria: - Dammi qualche panno e un po d'acqua per lavare questo Bambino. - La massaia diede panni e acqua. E così la Madonna lavò ben bene il Bambino, e poi gettò l'acqua innanzi la casa. E, dove cadde quell'acqua, nacque un alloro.

Appena la Madonna si licenziò, vennero i Farisei che domandarono alla padrona di casa: -Quando è passata una donna col bambino ? - Rispose: - Passò, quando nacque quest'alloro.

inizio

L'ulivo si fa capanna

Erano tante le squadre dei Farisei, che se ne incontravano a ogni passo. La Madonna ne vide venire una vicinissima. Dunque non c'era più scampo. Non si scorgevano nè case, nè capanne, nè grotte. S'affrettò a entrare in un oliveto. I Fariseí già gridavano: Ferma ! ferma ! La Madonna allora pregò una pianta d' ulivo : - Fateci la carità., nascondeteci. –L’ulivo si aperse a modo di capanna, e vi entrò la Madonna col Bambino e San Giuseppe; poi si richiuse. E dentro vi era anche luce, perchè non ci mancava l'olio. I Farisei, che avevano visto poco prima la Madonna e a un tratto era scomparsa, non si potevano far capaci. Cercarono per tutto l'oliveto : non ci lasciarono un dito di terreno. E cercarono e ricercarono anche parte della notte. Sul far del giorno, disperati, tornarono indietro.

Allora l’ulivo sì aperse. N'uscirono la Madonna col figliuolo e San Giuseppe. Disse la Madonna all' ulivo : - Il tuo frutto sia santo ! - Perciò si dice l’olio santo. E, perciò, con l’olio, noi ungiamo le scottature, le ferite, i tumori ; e diciamo:

Olio d' Allivo,

Ch'allumasti nostro Signore Gesù Cristo,

Leva da sta carne battezzata ogni dolore tristo.

inizio

Gentilezza del Ginepro e dell' Agrifoglio 

San Giuseppe si sforzava a camminare, ma restava quasi sempre indietro. La Madonna non vedeva l'ora di giungere e di mettersí al sicuro. Ecco che si videro altri Farisei; ma questa volta andavano a cavallo. C'era dunque maggior pericolo di cadere nelle loro mani. La Madonna disse:

- Corri, Giuseppe, corri ! - San Giuseppe, appoggiato al suo fiorito bastone, raggiunse la Madonna. Si trovavano in mezzo a una macchia di nìbbele. La Madonna disse a un ginepro: - Per amor di Dio, nascondimi questo Bambino. - Il ginepro si aperse, circondò il Bambino, e poi si chiuse. I Farisei videro una giovane e un vecchio, senza alcun fardello, e tirarono di lungo.

Ma, poco dopo, ecco venire un'altra schiera di Farisei a cavallo. La Madonna si trovava in mezzo a una scogliera. Si appiattò accanto a un agrifoglio; e sperava che i cavalli non potessero attraversare quegli scogli. Ma i cavalli erano indemoniati, ed entrarono nella scogliera. La Madonna non vide altro scampo, che nella gentilezza dell' agrifoglio. Si rivolse a quello, e gli disse : Agrifoglio gentile, nascondici tra i tuoi rami. –L’agrifoglio allargò i rami; entrarono San Giuseppe e la Madonna col Bambino; poi i rami si richiusero. I Farisci cercarono dappertutto, e non videro che rocce, e attaccato a una roccia un solitario agrifoglio.

Quando i Farisei furono partiti, l'agrifoglio si aperse. La Madonna non rifiniva di benedire l’albero gentile; e, prima di partire, gli disse Tu sarai sempre verde.

inizio

Il buono e il mal ladrone

Non bastavano le schiere dei Farisei! Ci volevano anche le masnade dei ladroni ! Un ladrone disse ai compagni: - Passa una bella donna. Rubiamocela. - Lo sentì il capo ladrone: - Alto là! i io sto coi guai, e voi pensate alle sciocchezze ?

La Madonna non è in tempo a nascondere il Bambino. Si fa innanzi il capo ladrone : -Bella donna, perchè non vieni a visitare un mio bambino che sta coperto di piaghe, e non ci trovo rimedio? Ah se tu potessi dargli. qualche aiuto!

La Madonna entrò nella grotta del capo ladrone. La moglie di lui presentò alla Madonna il piccolo infermo. E sapete che fece la Madonna? Tolse le fasce al Bambino Gesù; gli tolse. la camicella; lo messe a una tinozza d’acqua, e lo lavò ben bene. Poi con quell'acqua lavò il bambino del capo ladrone; e quel bambino in un attimo si guarì. La malattia di quel bambino era la lebbra.

Il capo ladrone voleva ricoprire d’oro il Bambino Gesù; ma la Madonna disse di no. Il capo ladrone allora accompagnò la Madonna per un buon tratto di via, sempre benedicendola.

Quello che voleva rubarsi la Madonna, fu il mal ladrone; l'altro, il buon ladrone. Tutti e due finirono la vita in croce.

inizio